Confettura di prugne nere homemade (welcome september)

 

026_360

Le prugne in campagna maturavano con un poco di ritardo. Era l’aria più fresca.   Ricordo che le coglievamo direttamente dall’albero ed avevano un gusto completamente diverso rispetto alla frutta che si compra oggi. Sapevano di sole erano dolcissime e morbide. Le più mature e quelle che cadevano dall’albero spontaneamente si usavano per la marmellata. Ricordo ancora il profumo che si spandeva dalla piccola cucina al secondo piano della casa in campagna  e tutti quei vasetti di vetro. Le etichette scritte a mano. Durante l’inverno i buoni frutti raccolti erano tutti conservati così,  nella credenza. Le marmellate fatte in casa sono uno dei ricordi più belli della mia infanzia.  Oggi non ho più la stessa fortuna di poter cogliere la frutta direttamente dall’albero,  ma la fine dell’estate rappresenta per me ancora oggi il momento delle marmellate …. Settembre è tempo di confettura di prugne.

Personalmente amo le confetture lisce e cremose, quelle da spalmare sulle fette biscottate senza che si spezzino,  quelle per realizzare  crostatine buone come quelle di pasticceria, senza pezzi e senza bucce che restino in bocca.  La mia confettura di prugne nere è così : liscia e cremosa,  perfetta per preparare la colazione e la merenda dei vostri bimbi.  Ma la cosa più bella ed importante è che sia sana.  Soltanto frutta e zucchero.  Niente di più.

011_365

Confettura di prugne nere homemade ( welcome september)
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Una confettura liscia e vellutata, ideale da spalmare.
Autore:
Tipo di ricetta: Confettura, colazione, merenda
Livello di difficoltà: Semplice
Dosaggio: Per circa 4 vasetti
Ingredienti
  • 1,2kg di prugne nere mature
  • 400g di zucchero semolato
  • 350g di zucchero di canna
Procedimento
  1. Lavate le prugne, denocciolatele e tagliatele a piccoli pezzetti.
  2. Ponetele in una pentola abbastanza capiente, aggiungete i due tipi di zucchero, mescolate e ponete sul fuoco a fiamma dolce.
  3. Mescolate continuamente finché lo zucchero non si scioglierà. Lasciate cuocere.
  4. Dopo circa 30/40 minuti la frutta inizierà a disfarsi e si formerà un liquido denso e sciropposo, color rosso vivo. Togliete dal fuoco e frullate con un frullatore ad immersione. Filtrate la confettura in un colino eliminando residui di buccia.
  5. Rimettete sul fuoco e cuocete fino ad ottenere la giusta densità.
  6. Per capire quando raggiungerà la giusta cremosita' adagiate un cucchiaino di marmellata calda in un piattino e lasciate raffreddare. Controllate se resta liquida o si rapprende. Se non cola la vostra confettura sarà pronta.
  7. Riempite i vasetti sterili con la confettura bollente, richiudeteli e delicatamente capovolgeteli. Lasciateli raffreddare capovolti.
  8. Una volta freddi controllate che siano andati sotto vuoto e aggiungete l'etichetta con la data di produzione. Conservate in luogo fresco.

   Note per la sterilizzazione dei vasetti:

  • Lavate bene i vasetti e controllate che i coperchi siano in ottimo stato ( è necessario per una buona conservazione del prodotto)
  • Sistemate i barattoli senza i coperchi in una pentola capiente e coprite con acqua in modo che siano completamente immersi.
  • Mettete un panno pulito intorno ai vasetti in modo che non si muovano.
  • Portate a bollore, abbassate la fiamma  e fate bollire per circa mezz’ora.  Trascorsi 20 minuti immergete anche i coperchi.
  • Lasciate asciugare su uno strofinaccio in cotone ben pulito oppure lasciate a mollo in acqua fino al momento di riempire.
  • Riempite i vasetti con la confettura bollente e chiudeteli subito.
  • Lasciate raffreddare capovolti.

020_364

 Grazie infinite a chi mi sta leggendo,  a chi mi segue e prova le mie ricette.  Grazie a chi lascia commenti qui nel blog o sui social e grazie a chi mi sprona a proseguire questa mia passione che non è solo cucina e nemmeno solo un blog…  Ma è vita.

Con affetto,

Sara.

3 comments

  1. la confettura di prugne…l’adoro,l’ho sempre adorata fin da bambina.
    Amavo il profumo che si spandeva per casa della nonna,amavo prepararla insieme a lei ed ora amo andare in campagna a raccogliere le prugne e preparala io stessa per la mia famiglia e per gli amici.
    I tuoi ricordi sono così simili ai miei….
    un abbraccio grande

    1. Grazie mille cara. È bello aver avuto la possibilità di crescere (anche se non per tanto tempo) a contatto con la natura. Ricordi simili hanno tutto un altro sapore. Un abbraccio anche a te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe:  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.