Panini soffici di kamut

20160107_140246-01

Impastare il pane mette sempre di buon umore…perciò oggi, che le feste sono finite e si ritorna alla normalità, vi regalo il mio primo esperimento con la farina di kamut biologica.

Il termine “kamut” non indica come verrebbe spontaneo pensare un tipo di cereale, ma un “marchio registrato” da parte della società kamut international. Il termine “kamut” è così diventato il termine identificativo di un tipo di grano denominato in realtà grano Khorasan. Se vi interessa documentarvi un poco a riguardo vi consiglio di leggere su Greenme.it, dove ho trovato un articolo davvero molto interessante.

Il kamut rispetto al grano normale ha una maggior quantità di sali minerali, soprattutto di selenio ed è considerato maggiormente digeribile anche per chi soffre di intolleranze al frumento , sebbene contenga glutine e non sia pertanto adatto ai celiaci.

Per questa ricetta ho utilizzato la planetaria ma potrete tranquillamente seguire il procedimento impastando a mano,ci vorrà solo un po’ più di “olio di gomito” ma il risultato sarà comunque ottimo.

20160107_140155-01

Ingredienti per circa 8 panini

-250g di acqua tiepida
-20g di lievito di birra fresco
-1 cucchiaino di miele di acacia
-50ml di olio extravergine di oliva
-300g di farina di kamut bio
-150g di farina di tipo 0
-15g di sale fino

Procedimento

Nella ciotola della planetaria ponete l’acqua tiepida e scioglietevi il lievito e il miele. Aggiungete l’olio extravergine di oliva.
PicsArt_01-07-10.37.03-01

Aggiungete ora metà della farina (di kamut e di tipo 0 mescolate insieme) , impastate velocemente con un cucchiaio di legno o una spatolina.
PicsArt_01-07-10.38.41-01

Unite il sale, ponete la ciotola nella planetaria e impastate a macchina con il gancio a velocità media per circa 2 minuti finché il sale non si assorbira’ completamente. Unite poca alla volta metà della farina rimanente e impastate per 5 minuti finché otterrete un impasto liscio ed elastico che si staccherà dalle pareti della ciotola ma al tempo stesso sarà ancora un po’ appiccicoso.
PicsArt_01-07-10.40.56-01

Spolverate la spianatoia con un po’ della farina rimasta. Rovesciatevi sopra l’impasto. Lavoratelo per almeno 5 minuti stirandolo con il palmo della mano e riprendendolo con le dita. Spolverate di farina se sentite che tende ad appiccicarsi ancora alle mani e al piano di lavoro.
Impastatelo fino a che non otterrete un panetto liscio ed elastico.
PicsArt_01-07-10.43.14-01

Ungete una ciotola con olio e ponetevi dentro l’impasto. Fasciate con pellicola trasparente e fate lievitare per circa un ora dentro il forno con la luce accesa.
PicsArt_01-07-10.44.45-01

L’impasto dovrà raddoppiare di volume.

Una volta terminato il riposo, riprendete l’impasto e rovesciatelo delicatamente sulla spianatoia. Con la parte non affilata della lama di un coltello tagliate 8 pezzi di pasta di uguale pezzatura.
PicsArt_01-07-11.50.08-01

Con le mani schiacciate ciascun pezzo di impasto formando un rettangolo. Arrotolatelo dal lato più lungo formando un cilindro. Disponetelo in verticale quindi schiacciatelo leggermente e formate un rotolino. Disponete ciascun panino su una placca rivestita di carta forno. Rivestite con la pellicola trasparente in modo che non facciano la crosta e lasciateli riposare circa 45 minuti.
PicsArt_01-07-11.51.55-01

PicsArt_01-07-11.53.01-01

Preriscaldate il forno a 200c.
Spennellate i panini con del latte fresco.
PicsArt_01-07-12.44.16

Infornate e cuocete per circa 20 minuti o comunque fino a che non saranno ben gonfi e dorati. Lasciateli raffreddare su una gratella in modo che ci sia un buon circolo di aria anche sotto e non restino umidi all’interno.
20160107_124658-01

Servite in tavola appena tiepido.

20160107_125404-01
come sempre per i panificati seguo i preziosi consigli del sito Viva la focaccia mettendoci un po’ del mio.

20160107_140212-01

Vi auguro un buon week end sempre in compagnia di chi amate.
Se provate questa ricetta e volete mostrarmi il risultato postate le vostre foto su instagram usando l’hashtag #incucinacongiadaesara. Vi aspetto!

2 comments

  1. Bellissimi e buonissimi. Complimenti anche per la descrizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.